CAPETOWN è una società di produzione fondata nel 2008 da Camillo Esposito attenta alle opere cinematografiche di qualità, e soprattutto fucina di talenti del nuovo cinema italiano. In questi anni ha realizzato numerosi cortometraggi, film documentari e lungometraggi per il cinema, con particolare attenzione al racconto della società contemporanea e le sue contraddizioni. 

 

Nel 2008 comincia il suo percorso nella produzione di documentari con PIERA IL BOXEUR diretto da Manuel Giliberti sul cinema di Piera Degli Esposti; FIGLI DI CHI SI AMAVA scritto e diretto da Aurelio Grimaldi. Nel 2010 produce l’opera seconda di Manuel Giliberti UN MILIONE DI GIORNI con il sostegno della Regione Sicilia in coproduzione con Change Performing Art. Il film viene distribuito nelle sale e approda su Netflix nel 2018. 

 

Nel 2012 produce il cortometraggio di animazione IL MONDO SOPRA LA TESTA scritto e diretto da Peter Marcias in collaborazione Ultima Onda srl partecipando a numerosi festival italiani e internazionali; nel 2014 produce il film LA NOSTRA QUARANTENA scritto e diretto da Peter Marcias con Francesca Neri, Moise Curia e ottiene la nomination ai Nastri D’argento nel 2015; Produce il documentario BARBIERI D'ITALIA scritto e diretto da Francesco Ranieri Martinotti con il sostegno della Direzione Cinema del Ministero della Cultura e Sardegna Film Commission, Regione Lazio, Toscana Film Commission. Ottiene la nomination ai Globi D’oro nel 2016. 

 

Realizza i cortometraggi di animazione IL MIO CANE SI CHIAMA VENTO e STROLLICA scritti e diretti da  Peter Marcias partecipando in diversi festival in tutto il mondo. Nel 2017 produce il documentario scritto e diretto da Valerio Vestoso ESSERE GIGIONE - L'INCREDIBILE STORIA DI LUIGI CIARAVOLA con il sostegno della Direzione Cinema del Ministero della Cultura e Regione Lazio. Nel 2018 esce in più di 20 sale cinematografiche in Italia diventando un piccolo cult. Nello stesso anno produce il documentario FIORENZO SERRA - UNO SGUARDO ALLA TERRA scritto e diretto da Peter Marcias, in collaborazione con la Cineteca Sarda Società Umanitaria e Sardegna Film Commission distribuito in sala da Istituto Luce Cinecittà. 

 

Dal 2018 sviluppa e produce LA DONNA CHE RIAPRIVA I TEATRI scritto e diretto da Francesco Ranieri Martinotti con il sostegno della Regione Toscana – Toscana Film Commission e Sensi Contemporanei con il Sostegno Selettivo della Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura attualmente in lavorazione; L'ONDA LUNGA - STORIA EXTRA-ORDINARIA DI UN 'ASSOCIAZIONE diretto da Francesco Ranieri Martinotti in coproduzione con CINECITTA' SPA, in collaborazione con RAI CINEMA e con la collaborazione di AAMOD E ARCHIVIO STORICO DELL'ANAC e con il sostegno selettivo della Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura - Selezione Ufficiale del 39° Torino Film Festival (2021) Evento Speciale all'edizione 2022 del Bifest e Premio Speciale ai Nastri D'argento 2022.

 

Nel 2020 produce Il cortometraggio di fiction LE BUONE MANIERE scritto e diretto da Valerio Vestoso con Giovanni Esposito, Gino Rivieccio e Claudio Crisafulli, Frank Matano, con il sostegno della Regione Campania, Film Commission Regione Campania, Nuovo Imaie e con il Sostegno Selettivo della Direzione Generale Cinema del Ministero della Cultura in collaborazione con Mosaicon Film srl e Terranera srl - Selezione Ufficiale alla Festa del Cinema di Roma 2021 - Alice nella Città, vincitore del Premio Premiere.

 

Nel 2020 realizza con la Fondazione Sardegna Film Commission il cortometraggio di animazione PENSACI scritto da Marco Porru e diretto da Peter Marcias e 2021 inizia lo sviluppo del nuovo documentario di Elisa Inno dal titolo LIBERAMI DAL MALE sostenuto dal Piano Cinema Regione Campania - Film Commission Regione Campania e in collaborazione con il Museo della Civiltà di Roma.

Attualmente in produzione con il film LO STATO DELLE ANIME di Peter Marcias tratto dal romanzo noir di Giorgio Todde, una coproduzione Italia-Francia con Ultima Onda srl e Denis Friedman Production con il sostegno della Regione Sardegna, Fondazione Sardegna Film Commission, Comune di Cagliari, Nas e il sostegno selettivo del Ministero della Cultura.